Nel campo degli elettrodomestici per la cura del corpo e della mente, sta prendendo sempre più piede l’estrattore di succo, un apparecchio che consente di prelevare i succhi conservati all’interno della frutta e della verdura, preservandone i nutrienti essenziali. Ma quali caratteristiche deve avere un estrattore per essere valido? E quali sono i migliori in circolazione? Ecco, quindi, alcune informazioni utili per fare una scelta consapevole e ragionata, ed evitare spiacevoli sorprese dopo l’acquisto.

Le caratteristiche di un buon estrattore di succo

Quando si vuole acquistare un buon estrattore di succo è importante tenere a mente alcune caratteristiche fondamentali, utili per distinguere le macchine estrattrici valide da quelle di scarsa qualità. La prima cosa da valutare è il motore, che può essere a corrente alternata (AC) od a corrente continua (DC). Se possibile è meglio prediligere motori DC, poiché, in caso di individuazione di materiali più solidi, tendono a non fermarsi, bensì a rallentare i giri.

In questo modo il sistema viene sottoposto ad un minore stress, favorendo una maggiore durata del macchinario negli anni. Anche il numero di giri ha la sua importanza, ed è sempre meglio individuare apparecchi con un basso numero di giro (40 giri/min), in modo da ossigenare poco i succhi ed evitarne il surriscaldamento. Per quanto riguarda, invece, i filtri, solitamente, all’interno di una medesima confezione se ne trovano diversi (maglie strette e maglie larghe), così da poter selezionare il grado di densità più adatto alle proprie esigenze.

Una considerazione attenta va fatta anche sui materiali, che devono essere a norma di legge, ovvero salutari per l’ambiente e, soprattutto per il consumatore. Sceglierne di bassa qualità non è certamente un vantaggio, perché il continuo passaggio di succo a pH acido, può causarne una variazione della struttura ed il rilascio di sostanze nocive. Infine, è bene parlare di design, che deve essere accattivante, poiché anche l’occhi vuole la sua parte, e di manutenzione, che non deve richiedere un tempo eccessivo.

A chi è giusto affidarsi?

Le macchine migliori disponibili sul mercato sono quelle che hanno alle spalle aziende votate allo sviluppo in funzione della salute dell’ambiente e del consumatore, nonché all’incessante ricerca della qualità. Molto importante è anche l’assistenza ai clienti, un servizio fornito al meglio solo dalle case produttrici che voglio soddisfare a pieno i clienti e che comporta il ritiro e la sistemazione delle apparecchiature guaste e malfunzionanti.

A tal proposito, simbolo di garanzia e di sicurezza è sicuramente l’estrattore Hurom, che assicura prestazioni uniche ed inimitabili. La capacità estrattiva, infatti, è ottima, così come il design ed il servizio di assistenza. Inoltre, è facile da pulire e da assemblare, e non occupa troppo spazio, ma può essere tranquillamente esposto, poiché ha una struttura decisamente innovativa e travolgente, che si adatta perfettamente a qualunque stile abitativo.

Perché è bene acquistare un estrattore di succo?

Secondo recenti studi, molte persone hanno difficoltà ad assumere le giuste quantità giornaliere di nutrienti attraverso l’alimentazione, specialmente perché non mangiano regolarmente frutta e verdura. La FAO, infatti, consiglia di consumare almeno 400 grammi di questi preziosi alimenti ogni giorno, per non rischiare il sopraggiungere di carenze vitaminiche, di fibre o di sali minerali, necessari per il buon funzionamento dell’organismo.

L’estrattore di succo, da questo punto di vista, è un vero e proprio toccasana per la salute, poiché favorisce il consumo delle sostanze benefiche contenute negli ortaggi e nella frutta, limitando così l’insorgenza di raffreddori e di mal di gola. Tuttavia, questo macchinario ha un effetto positivo anche a livello digestivo, in quanto elimina le parti solide dei cibi, preservando solo quelle liquide, che sono più facili da metabolizzare e da assimilare.